L’Italia deve credere nella cultura

Questa è la presentazione che ho proiettato a Ivrea il 7 aprile 2018 in occasione della seconda edizione di SUM.

—————————————————

  • SEI D'ACCORDO?
  • Pienamente: 100% (4 votes)

  • Abbastanza: 0% (0 votes)

  • Si, ma con qualche riserva.: 0% (0 votes)

  • Non molto: 0% (0 votes)

  • Per nulla: 0% (0 votes)

Back to vote


Rita Levi Montalcini e Miriam Mafai: due grandi italiane

invito_italiane02-Copia-e1520075782832

In questo post ho raccolto il mio intervento in occasione della presentazione dei volumi “Rita Levi Montalcini” di Marcella Filippa e “Miriam Mafai” di Lidia Luberto, editi da Pacini Fazzi nella Collana “Italiane, tenutasi a Roma, presso l’Istituto della Enciclopedia Italiana, il 6 marzo 2018. 

Presentiamo qui, oggi, nella sede dell’Istituto della Enciclopedia Italiana, due volumi di grande interesse per il pubblico delle lettrici e dei lettori italiani interessati ad approfondire la vita e l’opera di alcune tra le donne più importanti del panorama culturale, scientifico e politico italiano dall’Unità ad oggi.

Le protagoniste di queste due biografie, scritte rispettivamente da Marcella Filippa e Lidia Luberto, sono Rita Levi Montalcini e Miriam Mafai: nomi tra i più noti non solo tra gli addetti ai lavori del mondo della scienza, della politica e della cultura, ma conosciuti da tutti per il contributo assolutamente innovativo e imprescindibile apportato ad entrambe alla vita intellettuale del nostro Paese. Leggi di più


Al Liceo San Leucio per discutere di corruzione e legalità

Al Liceo Artistico San Leucio di Caserta con Raffaele Cantone e Nadia Verdile

Foto di Carlo Marino

 “La corruzione spuzza” (2017), il titolo del libro di Raffaele Cantone e Francesco Caringella riprende una frase pronunciata il 21 marzo 2015 da Papa Francesco durante una visita ai ragazzi di Scampia: «Un cristiano che fa entrare dentro di sé la corruzione non è cristiano», ha detto il Papa, riportando alla semplice e cruda realtà dei fatti un fenomeno che, seppur al centro di continue analisi, ricerche, studi di settore, sembra impossibile da debellare completamente dalla vita istituzionale e economica del nostro Paese.

Scrivono Cantone e Caringella che la corruzione del Terzo millennio, come mostrano le inchieste su «Mafia Capitale» e sul Mose, «è diversa dal passato, in quanto si è eretta a sistema pervasivo, tentacolare, spietato. Non più solo passaggi di denaro, ma giri vorticosi e smaterializzati di favori, piaceri, collusioni. Non più il classico accordo privato fra corruttore e corrotto, ma la creazione di un’organizzazione criminale attraverso cui politici, burocrati, imprenditori e mafiosi perseguono gli stessi obiettivi». Leggi di più


Il valore dei libri e della lettura

books-bookstore-book-reading-159711 (1)

Noi sentiamo benissimo che la nostra saggezza comincia là dove finisce quella dello scrittore; e vorremmo che egli ci desse delle risposte, mentre tutto quanto egli può fare è solo d’ispirarci dei desideri. 

Marcel Proust, Sulla lettura

Leggere è difficile perché consuma il nostro più intimo patrimonio, il tempo, e lo sciupa e lo disperde, senza che questo, per dirla con Ricardo, si valorizzi, senza che possa monetizzarsi. Leggere è un tempo perduto? Naturalmente anche qui, nell’immane raccolta di libri che caratterizza la società contemporanea, vige il mercato, e la cultura è un importante asse economico del Paese. Per fortuna. Ma nel puro e semplice atto del leggere rimane vivo solo il valore d’uso, il piacere, il dolore, talvolta. La lettura dunque ci impoverisce di tempo e spesso sconquassa, disturba, inquieta, toglie serenità; ci sottrae infatti al flusso continuo e consolatorio di parole e di relazioni in cui galleggiamo, che ci circondano senza costruire effettivi, impegnativi, legami; un flusso di parole, di relazioni, di prodotti, che ci intrattiene leggero, sottraendoci al peso dei significati. Leggi di più


La scuola come infrastruttura nazionale

scuola

Questo articolo raccoglie il testo dell’intervento che ho pronunciato in occasione del convegno “La scuola come infrastruttura nazionale“, tenutosi a Roma presso l’Istituto della Enciclopedia Italiana il 28 novembre 2017

La scuola è un pilastro imprescindibile della struttura di ogni società. Dovremmo dire che è il perno fondamentale intorno al quale tutto il resto ruota. Il luogo in cui, più di ogni altro, i nostri figli trascorrono il loro tempo fuori dalle mura domestiche; dove si formano, crescono, creano, soddisfano la loro curiosità e sete di sapere, si liberano dalla strada, dalla fame, dalla solitudine, dalla povertà e dall’isolamento. Sempre si dice, a proposito di ogni problematica di natura culturale e sociale, che per risolverla bisogna “partire dalla scuola”. E allora, qual è il ruolo della scuola oggi?

Nei decenni del secondo dopoguerra la scuola italiana ha svolto un lavoro preziosissimo e capillare per sottrarre all’analfabetismo e all’ignoranza generazioni di bambini e ragazzi; per unificare il paese attraverso la diffusione del sapere e di una cultura nazionale condivisa; per combattere le diseguaglianze sociali e territoriali offrendo a tutti la possibilità di un’istruzione, in media, di grande qualità; per favorire la mobilità sociale. Dove c’era la scuola arrivava un’opportunità di progresso umano e civile, uno strumento per sviluppare un percorso di crescita individuale e collettivo, per offrire una possibilità di miglioramento per tutti. C’era quindi nell’idea di scuola, un’idea, una visione del Paese. Leggi di più


󰁓