riunione casertaQuesta mattina a Caserta si è tenuta una riunione perché fossero definiti gli ultimi dettagli del grande progetto sulla Reggia. Tutte le parti coinvolte si sono dimostrate sinceramente convinte della prospettiva di raggiungere insieme l’obiettivo. Il rilancio della Reggia di Caserta, uno dei più straordinari monumenti italiani (e del mondo), comincia dal lavoro fatto oggi.

Tra le proposte che ho tenuto a sostenere c’è stata quella di coinvolgere nel progetto anche l’Università e le associazioni dei cittadini.

Dopo l’incontro, ho potuto soffermarmi a visitare il complesso di San Leucio, cosa che desideravo fare da molto tempo. San Leucio e la sua Real Fabbrica furono un centro importantissimo di produzione artigianale d’eccellenza, da quando i Borbone vi insediarono una colonia per poveri e l’annesso opificio, nel ‘700.

san leucioAnche le bandiere di cui i britannici e gli americani sono tanto orgogliosi, che svettano sulle facciate di Buckingham Palace a Londra e alla Casa Bianca a Washington, furono realizzate con la seta prodotta dalle sapienti maestranze che operavano in questo angolo del Meridione d’Italia, operoso e organizzato.

Nel percorrere gli ambienti di San Leucio, non ho potuto fare a meno di immaginare quanto sarebbe bello se il complesso potesse diventare uno dei centri italiani della valorizzazione del lavoro degli artigiani.

Davvero, se c’è un posto che potrebbe essere la sede di un grande esperimento italiano sull’economia sociale, quello è San Leucio.


  1. da giuseppe 3 agosto 2013

    semplicemente grazie per quello che sta facendo.

  2. da Dario Salvelli 4 agosto 2013

    Grazie per l’impegno ministro, spero che sia un primo passo per la promozione di tutto il territorio, che si faccia rete e che ogni soldo speso sia tracciato, in nome della trasparenza.

    Le ricordo anche l’Acquedotto Carolino a Valle di Maddaloni, una impresa faraonica di 38km unica nel mondo che ha già assegnati dei fondi (Unesco, però) che rischiamo di perdere entro fine anno.

Commenti

Posta un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

󰁓